A Londra al via i 450 anni della nascita di Shakespeare festeggiati col sangue di “Titus”

0

Nato e morto nello stesso giorno dell’anno. Forse, anche per questo suo modo originale di presentarsi al mondo e di lasciarlo 52 anni dopo, che affascina William Shakespeare. Per l’esattezza, è nel 23 aprile 1564 che il drammaturgo inglese è nato, e sempre il 23 aprile ma del 1616 è datata la sua morte. E quest’anno ricorrono 450 anni dalla sua nascita con celebrazioni che si apprestano a partire subito dopo il weekend di Pasqua in tutto il mondo. Ma, ovviamente, è a Londra che si terranno quelle con più enfasi, dato che qui c’è il Globe Theatre da sempre casa e fonte di ispirazione per il celebre scrittore.

Ed è qui che dalla settimana prossima si terranno una serie di iniziative organizzate proprio per ricordare e rivivere il genio di Shakespeare, tra tutte ovviamente la messa in scena di alcuni dei suoi drammi, uno in particolare che sicuro non passerà inosservato: Titus. Prima di tutto perché racconta, forse, una delle storie più crudeli che il drammaturgo abbia mai scritto, con scene di morte e sangue fin dall’inizio,e poi perché nel periodo della sua prima messa in scena nel 1594, raccolse così tanti consensi dal pubblico che venne definito il primo vero successo di Shakespeare dopo numerosi tentativi di conquistare l’attenzione della massa.

Il “Titus” pronto ad andare in scena, al pari del suo antico fratello (che nel corso degli ultimi decenni ha vantato anche la regia di Antony Hopskins) ha già raccolto consensi da ogni parte del globo nelle precedenti rappresentazioni, con tanto di “sfida” che alcuni giornali, tra i quali The Observer, hanno lanciato a Quentin Tarantino, padre di quel “Pulp Fiction” sanguinolento del grande schermo, con titoli del genere “Tarantino, eat your heart out… Explosive!”. A vestire i panni del generale romano Tito Andronico sarà William Houston che ha preso parte a oltre trenta pellicole cinematografiche comprese lo Sherlock Holmes del grande schermo e l’ultimo “Noah” attualmente al cinema al fianco di Russell Crowe.

Titus” andrà in scena dal 24 aprile e fino al 13 luglio e vanterà un cast d’eccezione per un dramma che, come anticipato, viene definito da centinaia d’anni “un vero e proprio mattatoio umano”. Non mancherà quindi di suscitare forti emozioni in considerazione anche di come il pubblico del Globe sia a diretto contatto con gli attori e, spesso e volentieri, così vicini tanto da sentirne il profondo respiro dettato dall’intensa recitazione. E già solo questo vale il costo del biglietto.

INFO: http://www.shakespearesglobe.com

Titus Londra