Caparezza sbarca a Londra il 12 ottobre e porta la “sua” Italia sul palco del Koko

0

“L’Italia è una repubblica fondata sul lavoro, di santi, di poeti, di mafiosi e navigatori, ma tutti rivorrebbero tra le dita la Montessori / Inglesi, professori che non imparano altra lingua, inglesi, non dovranno mai cambiare moneta, inglesi, guideranno sempre dal lato sbagliato, per questo chi va a Londra so che torna un po’ cambiato”.

Cantava così poco più di una decina di anni fa Caparezza, al secolo Michele Salvemini, uno dei rapper più acclamati della recente scena musicale italiana pronto ad arrivare a Londra, al celebre Koko, il prossimo 12 ottobre per presentare il suo ultimo album, sesto in carriera, per altro uscito pochi giorni fa: “Museica”.

E undici anni dopo, dal giorno in cui ha fotografato a note sia l’Italia che il popolo inglese nelle rime di “Il secondo secondo me”, Caparezza sarà sul palco di uno dei più conosciuti locali by night dell’area londinese per chiudere un mini tour che terrà proprio nel corso del mese di ottobre in giro per l’Europa: il 7 sarà a Barcellona, il 9 a Parigi, il 10 a Bruxelles e il 12 a Londra; per altro sarà il suo primo live in carriera nella capitale britannica e, considerata la presenza sempre più massiccia di ragazzi del Bel Paese che studiano e lavorano negli Uk, il live si pronostica da sold out.

“Museica”, come lo ha definito il suo stesso autore, “è un album-museo, in cui ogni traccia richiama un dipinto famoso che diventa pretesto per affrontare argomenti di varia umanità, sempre tanto cari all’artista pugliese e ai suoi fan. Così la Natura morta con Bibbia di Van Gogh diventa un modo per parlare dei ragazzi di oggi – sono più pazzi loro che passano la vita ciondolando nei megastore o lo sregolato genio olandese? – e Saturno che divora i suoi figli lo spunto per raccontare la zona d’ombra delle esistenze dei «figli di»”.

Ti potrebbe interessare leggere anche:  l’intervista a Caparezza in vista del suo concerto di Londra.

Info: Biglietti concerto Caparezza