Flamenco Festival London

0

Il Festival del Flamenco a Londra dal 15 al 26 Febbraio

Non solo Tapas, ma anche danza. Se c’è una cosa che è diventata simbolo inequivocabile della Spagna e delle sue antiche tradizioni, rappresentandone una delle più importanti manifestazioni artistiche e culturali, questa di certo è il flamenco. Il termine significa letteralmente “fiammingo”, ovvero “proprio delle Fiandre”, una regione settentrionale del Belgio. Il mistero che circola attorno all’origine di tale nome non è di facile soluzione e molti studiosi hanno cercato di fornirne una spiegazione ipotizzando scambi culturali ed artistici fra la Spagna e le Fiandre durante il regno di “Carlo V”.

Solo alla fine del ‘900 l’interesse verso il flamenco allargò i suoi confini, estendendosi prima in tutta la Spagna e poi in tutto il mondo. Il merito fu di un gran numero di poeti e scrittori che ne cantarono le lodi (Federico García Lorca su tutti). La diffusione del flamenco è stata talmente capillare che nel corso degli anni si sono sviluppati un gran numero di “palos”, nonché generi di flamenco. Ne esistono più di cinquanta e sono classificati secondo determinati criteri musicali: si va dall’ottimismo gioioso della “Bulerìa” all’intensa disperazione della “Siguiriya”.

Il primo flamenco era legato al canto e prende il nome di “cante jondo” (canzone profonda), appassionata forma di canto che esprimeva la sofferenza del popolo gitano, emarginato dalla società. Chitarra e danza si aggiungono solo in seguito, affiancati dallo “jaleo” (incitazioni a voce) e dal “palmas” (battito delle mani).

 

Oggi possiamo trovare il Flamenco anche grazie al cinema, ricordiamo registi come Carlos Saura, Pedro Almodovar e attori come Penelope Cruz e Antonio Banderas. Anche nella musica grazie ad artsisti come Paco de Lucia e tanti altri c’è stato un grande contribuito che ha reso quest’arte sempre più affascinante e seguita. In termini di danza il ballerino più conosciuto è Joaquin Cortés, il quale ha saputo creare un armonia perfetta tra le movenze e sonorità anche sconosciute.
Quindi ci sentiamo di affermare che questa danza unisce tutti i popoli argomentando tra sentimenti, stati d’animo, speranza e allegria. Il Flamenco non è solo un modo di danzare, ma uno stato culturale, una forma di vita e per molti un’identità propria. Inoltre il 16 Novembre 2010 L’Unesco ha inserito il Flamenco nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità.

Se siete interessati, non perdetevi lo spettacolo al Flamenco Festival.

Flamenco Festival London
The annual foot-stomping festival is back for another year.
Sadler’s Wells Theatre, Rosebery Avenue, Clerkenwell, Londra
Dal 15 al 26 Febbraio 2017