Grande successo per la decima edizione del London Burlesque Festival

0

Grande successo per la decima edizione del London Burlesque Festival

Si è conclusa con un grande finale l’edizione 2016 del London Burlesque Festival, organizzato da Chaz e Betty Royal, svoltosi dal 6 al 22 maggio al Dingwalls di Camden Town che quest’anno ha celebrato il decimo anniversario.  Il festival ha registrato il tuttoIMG_5076 esaurito in quasi tutti gli spettacoli attirando più di 600 persone stregate dell’allegria del Burlesque. Le serate all’insegna di piume, paillettes, tatuaggi, striptease, acrobazie, dive sfarzose e stravaganti ha attirato persone, provenienti da varie parti del mondo come Germania o Australia, che hanno deciso di immergersi nel vortice di allegria, comicità e trasgressione del London Burlesque Festival.

Il festival è stato scandito da alcune serate social, programmate il lunedì sera, durante le quali è stato possibile incontrare alcuni degli artisti spogli dai loro costumi di scena. Noi di Londonita siamo andati a conoscerli per capire com’è nata la loro passione per il Burlesque e come hanno iniziato a muovere i primi passi nel settore o meglio quando hanno iniziato a calcare il palcoscenico. I 150 performer, di varie nazionalità, si sono dimostrati disponibili rispondendo volentieri ad alcune delle nostre domande e ci hanno svelato il proprio amore per l’Italia e la sua cultura.

Una veterana del festival è Whisky Falls, artista e co-organizzatrice dell’evento, che ci racconta il suo percorso artistico e il suo amore per l’Italia. “Faccio parte dello staff del festival da ormai quattro anni. Mi occupoIMG_5075 dell’organizzazione e sono soddisfatta del successo dell’edizione 2016. In passato ho lavorato per altri festival sia in Inghilterra sia in altri paesi ma il London Burlesque Festival è qualcosa di spettacolare. Siamo come una famiglia e inoltre, siamo accomuati dalla stessa passione. Amo viaggiare e adoro l’Italia. Ci sono stata parecchie volte e ho già prenotato alcune settimane a Giugno. Non vedo l’ora di ritornarci. Il mio sogno nel cassetto è andare in Australia ed esibirmi li magari a Sidney”.

Un personaggio amato sia dagli adulti sia dai bambini è Michael Speranza, in arte Pirateman, metà australiano e metà italiano. “Ho avuto l’idea di creare un personaggio legato ai Pirati e ho iniziato a IMG_5083esibirmi due anni fa in Australia. Ho avuto talmente tanto successo che quest’anno sono finito a Londra, per la prima volta nella mia vita. Mio padre è italiano ma sfortunatamente non sono mai stato in Italia. Devo ammettere, però, che amo la cultura e spero di poterci andare presto. Dopo il festival tornerò in Australia e lancerò un nuovo concept, questa volta rivolto solo ai bambini”.

Un’artista amante dei tatuaggi tanto da avere almeno l’80 % del corpo tatuato è Smashlin. Contrariamente a quanto si possa pensare, Smashlin non ha partecipato alla serata Burlesque dedicata ai tatuaggi ma fa bensì quella delle Dragqueen. “E’ il primo anno che partecipo al London Burlesque Festival e sono felice di essere qui. E’ una bella esperienza e non vedo l’ora di poter tornare nuovamente l’anno prossimo. Il mio obiettivo è viaggiare e fare esperienze nuove. L’anno prossimo tornerò e sarò diversa. Sicuramente con qualche competenza e… tatuaggio in piu”.

Il London Burlesque Festival non ha deluso le aspettative anzi è stato in grado di festeggiare il decimo anniversario con stile, eleganza e tanta comicità. Gli artisti, locali e internazionali, amatori e professionisti hanno dimostrato il proprio talento regalando emozioni e delle serate piacevoli e di alto livello tanto da sentirsi quasi a Las Vegas. Il London Burlesque festival saluta cosi il proprio pubblico con un arrivederci all’undicesima edizione!