Guerra e odio bloccati in una pellicola. Le foto di Robert Capa da venerdi a Londra

0

Le foto di Robert Capa a Londra da venerdì prossimo 4 aprile.

I suoi scatti sono stati i predecessori di ciò che oggi viene fatto con cellulari e macchine fotografiche digitali. Cambia la tecnologia, ma la volontà, l’istinto sono sempre quelli: lasciare una testimonianza alle generazioni che verranno affinché ne traggano una lezione per non ripetere più gli errori commessi. Parliamo di fermi immagini, video e testi che scandiscono gli attimi di una battaglia, i momenti più salienti di una guerra. E se oggi l’utilizzo massiccio dei mezzi di comunicazione alla portata di tutti sta facendo sì che di testimonianze in rete ce ne siano a milioni di tutti i tipi e da ogni parte del mondo, tanto che YouTube ha calcolato che dall’inizio delle sommosse in Ucraina i video caricati fino ad oggi sono circa 90.000, in un tempo passato ma non molto lontano, la testimonianza visiva era solo appannaggio di una semplice pellicola di una macchina fotografica. Semplice, ovviamente, se vista con occhi moderni.

E, il più celebre testimone di un tempo in bianco e nero dove regnava solo distruzione e odio, è stato indubbiamente Robert Capa, foto report di origini ungheresi al seguito delle truppe americane durante la Seconda Guerra Mondiale. Ma questo fu solo uno dei cinque conflitti bellici che immortalò Capa: la guerra civile spagnola tra il 1936 e il 1939, la seconda guerra sino-giapponese che seguì nel 1938, la guerra arabo-israeliana del 1948 e la prima guerra d’Indocina del 1954.

Nella mostra pronta ad inaugurasi presso la Daniel Blau Gallery al numero 51 di Hoxton Square a Londra da venerdì prossimo 4 aprile al 10 maggio, si potrà avere uno spaccato del Secondo conflitto mondiale che riguarda in particolar modo l’ingresso degli Alleati Americani in Italia usando il Nord Africa come ponte. L’esposizione riguarderà rare stampe di Capa di fotografie scattate in Sicilia nell’agosto del 1943, a Napoli nell’ottobre dello stesso anno oltre ad altri scatti effettuati nei territori della Normandia e a Londra compresi quelli che riguardano la liberazione di Parigi dai tedeschi. Un viaggio indietro nel tempo che, sicuramente, non mancherà di suscitare emozioni dettate da quel bianco e nero nato da uno scatto, immortalato su una pellicola e poi passato in laboratorio per essere quindi stampato e mostrato ai più. Un processo che si è ormai perso nell’immediatezza della tecnologia offerta dai tempi moderni. Anche se i temi principali di fronte all’obiettivo continuano ad essere sempre i medesimi: guerra e odio.

INFO: http://www.danielblau.com/london/

Robert Capa