I Palloncini bianchi di Covent Garden

0

Una grande nuvola bianca fatta di palloncini riveste il mercato di Covent Garden

In molti ci hanno domandato cosa significassero quei palloncini bianchi che rendevano ancora più bello il già caratteristico mercato di Covent Garden nelle settimane appena passate.

Heartbeat è la nuova e curiosa istallazione del famoso artista francese Charles Pétillon. Fino al 27 settembre l’ opera era presente nel cuore di una delle piazze più belle di Londra, Covent Garden.

palloncini-bianchi-a-covent-gardenL’artista francese, alla sua prima esperienza sul territorio britannico, aggiunge un nuovo tassello alle sue ormai celebri Invasion series, installazioni che riempiono letteralmente edifici e luoghi con la consueta invasione di palloncini. La sua idea è quella di riempire gli spazi “ vuoti “ e dare una diversa percezione degli spazi. Ogni persona inserita in uno spazio, percepisce ed utilizza la sua fantasia per creare e ricreare lo spazio attorno. La stessa visione che nel libro di Saint-Exupéry, Il piccolo principe, spinge il lettore ad osservare l’oltre: “L’essenziale è invisibile agli occhi” un modo, per l’autore di sottolineare l’importanza di questo suo assunto per la comprensione del racconto. Per indicare che ogni cosa può nascondere un tesoro, un mistero da svelare.
Oltre alle apparenze c’è lo spirito, che dobbiamo scoprire usando il cuore.

Con 100 mila palloncini bianchi che si snodano attraverso il soffitto della South Hall dell’edificio, per 54 metri di lunghezza e 12 metri di larghezza. I 100 mila palloncini fatti di lattice sono legati tutti insieme e attraversati da luci che rendono l’intera installazione una grande nuvola bianca.

Garden, Pétillon ha detto: “Mettendo i palloncini qui voglio aggiornare il modo in cui viene visto questo luogo e la mia speranza è che la gente che cammina sotto e intorno all’installazione veda l’intero edificio con occhi nuovi”.palloncini-a-covent-garden

Palloncini bianchi fuoriescono da finestre e porte di una casa, invadono un campo da golf e straripano da un’auto bruciata. Questi alcuni esempi dei suoi lavori, ripresi in alcune parti del mondo. L’artista utilizza palloncini in primis perché sono simboli di pace e poi per modificare il modo in cui le persone percepiscono cose e spazi familiari, facendoci cambiare il modo di vedere le cose che ci circondano ogni giorno e che non notiamo veramente. La scelta del bianco è stata fatta per creare contrasto, dualismo con le locations.

palloncini-Londra-CoventGarden

È proprio questo l’obiettivo di Pétillon: stimolare il pubblico a osservare l’ambiente circostante, cogliendone le peculiarità, senza dare nulla per scontato. Heartbeat vuole inoltre restituire a Covent Garden il ruolo di “cuore” pulsante della vita londinese, come centro nevralgico di incontri e attività, tra passato e presente.

Abitazioni, garage, automobili in disuso, campi da golf e foreste sono stati così trasformati da Pétillon in spazi “nuovi”, da vivere e guardare con occhi diversi.

 

Simone Palermo

21/09/15