Italian Community, una realtà importante

0

Comunità: insieme di individui che condividono lo stesso ambiente fisico e tecnologico, unito da ideali, prospettive e interessi comuni. Oggi tutto questo è possibile grazie all’idea e alla determinazione di Alessia Affinita, direttrice della Italian Community.

The Italian Community ha lo scopo di tutelare ed assistere gli italiani all’estero, favorendo sia una piena e soddisfacente integrazione nel contesto sociale e nella realtà quotidiana, sia nel mantenimento di un rapporto effettivo partecipando con la comunità di origine. Si parte dal bisogno di assistenza dei numerosi giovani che emigrano all’estero, al quali The Italian community garantisce assistenza, ed il flusso di stranieri in terra straniera che aumenta sempre di più. Il punto d’incontro infatti è unire gli emigranti ed immigranti e la conoscenza di usi e consuetudini diverse, strumento che dà risposte alle esigenze che emergono in una società globale sempre più in movimento.

Londra, Berlino e Parigi sono solo un esempio di città del mondo che ospitano un gran numero di italiani, e che questa comunità protegge e aiuta nel quotidiano. Ha aperto più di un anno e mezzo fa e già possiede più di 1,3k di iscritti, numeri che fanno parlare e che sottolineano l’interesse degli italiani a registrarti presso questa community.
Sul sito moltissimi suggerimenti e consigli su come integrarsi in terra straniera. Sponsorizzata dalla Camera di Commercio e dall’Istituto di cultura Italiana, sta diventando il luogo giusto dove gli italiani possono incontrarsi, e probabilmente sentirsi meno soli.

Una finestra che riporta gli ultimi avvenimenti del Bel Paese e le tante motivazioni che spingono non solo i giovani, ma anche chi in età adulta è costretto o ha voglia di lasciare le proprie abitudini e rifugiarsi al di là dello stivale per dare voce ai propri sogni imprenditoriali, come afferma Alessia Affinita, direttrice della Italian Community a Londra.
The Italian community ci tiene a seguire due obiettivi importanti: incentivare il business italiano, sviluppando non solo all’estero ma anche nel Bel Paese e importare il coraggio e la grinta dei tanti italiani che in terra stranieri emergono per le loro doti imprenditoriali.

Il made in Italy infatti rappresenta una realtà importantissima che motiva così molti italiani ad aprire attività all’estero che sono apprezzate e riconosciute come eccellenze internazionali. Basti pensare ai tanti italiani vittoriosi nel campo della ristorazione. Il cibo ad esempio rappresenta un chiaro esempio di cultura vincente all’estero, attraverso la quale fare business, con ottimi risultati.
Una rete di comunità che vedono anche l’apertura in estate di un comunità a New York e numerosi altri progetti nel cassetto.
Viva l’Italia e viva il coraggio italiano.

Simone Palermo