Londra, l’artista di strada ha l’X-factor: provini per suonare nel metrò

0

Un pubblico quotidiano che si aggira sui 3 milioni e mezzo di passeggeri. Migliaia di richieste giunte da ogni parte del mondo, ma solo in 250 ce l’hanno fatta. Non si tratta dell’ultimo talent show televisivo, ma quasi, considerati i numeri. Parliamo dei buskers, ossia i musicisti di strada che da decenni si esibiscono nelle metropolitante di tutto il mondo, e in particolar modo nella celebre Tube di Londra. Da 13 anni, però la TFL, la società pubblica che gestisce il servizio dei trasporti della capitale, ha regolamentato gli spazi concedendoli attraverso un tour over. Ma col passar del tempo le richieste sono state cosi tante, che per la prima volta, quest’anno, è stata organizzata una selezione ufficiale che assegna 70 licenze per suonare in una delle 39 piazzole a disposizione, coprendo così tra tutti i buskers un totale di oltre 100.000 ore di musica dal vivo. Milioni di passeggeri come pubblico, uno spazio prenotato, mance assicurate. Il richiamo è stato così forte che sono giunte richieste da tutto il mondo, Italia compresa. Ad essere stato scelto per le audizioni finali anche Giovanni De Cillis, 35 anni sposato con 2 figli originario di Milano da un anno vive con tutta la famiglia nel sud di Londra dove si è trasferito dopo una vita da insegnante precario di Fisica e matematica.