Elisabetta II del Regno Unito

0

Elisabetta II, regina del Regno Unito, e’ nata a Londra il 21 aprile del 1926.

Il suo nome intero è: Elizabeth Alexandra Mary.

Sale al trono del Regno Unito il 6 febbraio del 1952, dopo la morte del padre GiorgioVI.

E’ figlia di re GiorgioVI e Elizabeth Bowes-Lyon.

Elisabetta II è Capo del Commonwealth.

E’ Governatore Supremo della Chiesa Anglicana.

E’ Comandante in capo delle Forze Armate.

E’ Signore dell’Isola di Man.

Regna su circa 125 milioni di sudditi.

E’ sposata con Filippo Mountbatten ed è madre di quattro figli:

Carlo, principe di Galles, Anna principessa reale, Andrea duca di York, Edoardo conte di Wessex.

L’unica sua sorella, Margaret, nata nel 1930, è deceduta nel 2002.

Alla nascita, è la terza in linea di successione al trono britannico dopo lo zio Edoardo e il padre.

Ha il titolo di “Her Royal Highness” (S.A.R. Principessa Elisabetta di York).

La madre, di cui porta il nome, presiede alla sua educazione.

Elisabetta studia storia e alcune lingue moderne, come il francese che parla con proprietà di linguaggio.

Nel 1936 il padre Giorgio VI, in seguito all’abdicazione del fratello Edoardo VIII, diventa re.

Pertanto Elisabetta sarà l’erede al trono.

Quando scoppierà la seconda guerra mondiale, Elisabetta e Margaret verranno ospitate al castello di Windsor.

Servizio militare

Nel 1945 ad Elisabetta sarà consentito di unirsi al Servizio Ausiliare Territoriale (Auxiliary Territorial Service). Verrà addestrata come autista e sarà promossa comandante onorario Junior.

Nel novembre del 1947 sposerà Filippo Mountbatten, nipote di re Giorgio I di Grecia, che dovrà rinunciare alla pretendenza al trono greco.

Filippo sarà nominato duca di Edimburgo prima delle nozze.

I loro quattro figli potranno godere dei diritti principeschi e reali.

Porteranno il cognome personale di “Mountbatten-Windsor”.

Elisabetta rappresenterà il padre, la cui salute sta diventando cagionevole, già nel 1951.

Sarà in Grecia, Malta, Italia, Canada, Washington.

Nel gennaio del 1952, Elisabetta e Filippo visiteranno l’Australia e la Nuova Zelanda.

Durante una visita ufficiale in Kenia riceveranno il ferale annuncio della morte del re.

Era il 6 febbraio del 1952.

Elisabetta regina

Elisabetta è la prima regina britannica, dopo il 1801, a trovarsi fuori dal Regno Unito al momento della successione.

Sceglie di regnare con il proprio nome, Elisabetta.

Ufficialmente il suo titolo per intero è: “Sua Maestà Elisabetta II, per Grazia di Dio, Regina del Regno Unito di Gran Bretagna e di Irlanda del Nord e dei suoi altri Regni e Territori, Capo del Commonwealth, Difensore della Fede”.

Verrà incoronata regina il 2 giugno 1953 con una gioiosa cerimonia a Westminster Abbey, Abbazia di Westminster.

Buckingham Palace è la dimora della regina Elisabetta e del marito Filippo, duca di Edimburgo.

Giubileo d’oro

Nel giugno del 2002 Elisabetta ha celebrato il suo “Golden Jubilee” ossia cinquant’anni di regno.

Migliaia di persone si sono trovate davanti a Buckingham Place per i festeggiamenti.

La regina e il principe Filippo si sono recati, a bordo della carrozza dorata, alla Cattedrale di San Paolo a Londra per una funzione di ringraziamento.

I nipoti più conosciuti della regina sono William e Henry, figli del principe Carlo e della defunta principessa Diana.

William nell’aprile del 2011 ha sposato Kate Middleton.

Attualmente la regina ha 85 anni ed è la più anziana sovrana britannica di tutti i tempi.

Ha iniziato a delegare ai figli alcuni doveri pubblici. Sicuramente regnerà fino a quando non morrà, il più tardi possibile: questo è l’augurio sincero da parte nostra.

La regina e il governo britannico

Il ruolo della regina nel processo legislativo è interamente cerimoniale.

La Corona è una parte integrante del Parlamento insieme alla Camera Alta e alla Camera Bassa.

In teoria la regina può negare l’assenso alle leggi. Tuttavia ciò non avviene dal 1708.

All’annuale apertura del Parlamento, la regina tiene un discorso che sottolinea il programma legislativo del governo per l’anno che verrà.

Anche se il governo britannico è conosciuto come il governo di Sua Maestà, in pratica però il governo deve rispondere alla Camera Bassa del Parlamento.

Il ruolo della regina nel potere giudiziario è puramente cerimoniale.

Durante la Rivoluzione inglese del XVII secolo, il Parlamento condannò Carlo I per tradimento.

Dopo la Restaurazione di Carlo II d’Inghilterra questi procedimenti vengono denunciati come illegali in quanto le azioni del sovrano avvengono nel rispetto delle norme esistenti nel regno.

La regina incontra settimanalmente il primo ministro inglese e si intrattiene anche con i singoli ministri britannici e con ministri di altri Paesi.

Ha fatto amicizia con leader stranieri come Nelson Mandela, George Bush senior. Ha ospitato George W Bush figlio a Buckingham Palace.

La regina Elisabetta ha delle bandiere personali nei seguenti stati: Canada, Australia, Nuova Zelanda, Giamaica, Barbados.

Le corse dei cavalli sono uno dei suoi principali interessi.

Onorificenze

Numerose sono le onorificenze che può vantare: sia quelle ottenute da parte della Gran Bretagna, quelle dei paesi del Commonwealth e quelle straniere.

Tra le onorificenze britanniche si notano: “Gran Maestro e Dama dell’Ordine della Giarrettiera”; “Gran Maestro dell’Ordine di San Patrizio”; “Sovrano dell’Ordine dell’Impero Britannico” e moltissime altre.

La regina Elisabetta ha ottenuto onorificenze canadesi, australiane e delle Barbados.

Tra le onorificenze straniere una recita testualmente: “Dama di Gran Croce decorata di Gran Cordone dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana (Italia) e una infinità di altre dei più svariati Paesi.

“The Queen” (La regina, come normalmente viene evocata) è anche un film del 2006 che parla del ritorno dei laburisti al potere e la morte della principessa Diana.

La regina si fa notare per le sue “mises” dotate di soprabiti, cappelli decorativi, borse, guanti, scarpe in tonalità pastello, che le rendono un grazioso e simpatico aspetto.

Iscriviti alla Newsletter di londonita

riceverai un piccolo omaggio come ringraziamento