La National Gallery

0

La National Gallery è situata in Trafalgar Square ed è una delle più grandi e preziose pinacoteche del mondo con una ricca collezione, composta da più di 2.300 quadri, che offre una panoramica pressochè completa della pittura europea dall’Alto medioevo ai primi del Novecento.

La National Gallery appartiene al popolo britannico.

L’ingresso è gratuito, salvo per accedere ad alcune esposizioni speciali.

L’edificio in cui è sistemata è stato costruito da William Wilkins e battezzato “pilastro della nazione”. Dalla terrazza si gode una bella vista su Trafalgar Square e Whitehall.

Davanti al palazzo si trova la statua di Giacomo II (in costume romano) con l’iscrizione: “re di Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda”, nonchè una copia in bronzo della statua di Washington, che si trova a Richmond, Virginia.

Breve storia della National Gallery:

La National Gallery viene istituita nel 1824, quando il governo vuole destinare 57.000 sterline per l’acquisto e l’esposiziione di 38 dipinti della collezione del banchiere John Julius Angerstein. Altre acquisizioni e numerose donazioni richiedono già nel 1876 un primo ampliamento del palazzo. All’epoca viene eretta la cupola e poi ulteriori modifiche nel 1887, 1927, 1929. La facciata, ritmata da colonne e da pilastri, è sormontata da una cupola centrale e da due torrette che sovrastano i padiglioni laterali. Per accedere alle sale d’esposizione dalla strada, Wilkins ebbe l’idea del grande portico centrale a frontone.

Il Regno Unito decide in ritardo, rispetto alla maggior parte degli stati europei, di istituire una collezione nazionale d’arte aperta al pubblico. Infatti non coglie l’opportunità di acquistare una collezione privata già nel 1777, collezione che invece verrà acquisita in blocco da Caterina la Grande e che attualmente si trova al Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo. Dopo alcuni altri eventi negativi in cui molti artisti rinnovano la richiesta di istituire un museo d’arte nazionale statale, sta di fatto che Londra rimane priva di un tale museo fin dopo le guerre napoleoniche. Sarà soltanto il pagamento dei debiti di guerra da parte dell’Austria a spingere il riluttante governo inglese a impegnare quel denaro nell’acquisto della collezione Angerstein.

La National Gallery viene aperta al pubblico il 10 maggio 1824 nel palazzo di Angerstein al n° 100 di Pall Mall. Dopo un trasferimento sempre nella stessa via, in un palazzo defintito sporco e pertanto inadeguato, nel 1832 hanno inizio i lavori dell’architetto Wilkins in Trafalgar Square. Vi è quindi un susseguirsi di direttori che hanno preferenze diverse riguardo la collezione e, poichè la sede è composta soltanto da 15 stanze, si decide per lo sfoltimento e cioè si ritiene di liberarsi di opere sostanzialmente superflue. Questo permetterà di esporre i dipinti in modo migliore e con una cura impossibile in precedenza. Durante la seconda guerra mondiale i dipinti vengono messi in sicurezza e trasferiti nel Galles del nord perchè Winston Churchill desidera che restino nell’isola.

Nel 1941 l’iniziativa “Quadro del mese” preleva dal Galles ogni mese un quadro e lo espone al pubblico all’interno della National Gallery. Dopo la guerra le acquisizioni si fanno più difficili a causa delle valutazioni cresciute a dismisura, anche se molti singoli privati forniscono il loro sostegno.

Nel 1991, dopo lunghe controversie, viene aperta una nuova ala, isolata dal resto dell’edificio, l’ala Sainsbury. Progettata dall’architetto americano Robert Venturi, offre su 5 piani alcune sale dedicate all’esposizione permanente delle tele più antiche o più fragili oppure alle mostre temporanee, una sala per gli spettacoli, una sala d’informazione, un negozio ed un ristorante La Micro Gallery, sistemata nell’ala Sainsbury, consente di preparare nel modo migliore la visita delle sale, mettendo a disposizione 12 terminali di computer grazie ai quali è possibile tracciare un viaggio elettronico nel museo. Nel sistema sono memorizzati tutti i quadri con immagini e note informative. Dopo avere consultato 4 indici (per opere, per autori, per generi, per epoche) si può ottenere un itinerario individuale personalizzato, con l’ubicazione dei quadri prescelti, perfettamente riprodotti ed esaurientamente commentati. La quantità delle opere esposte impone di citare, in ordine cronologico, solo i maggiori artisti e qualche dipinto.

Come è strutturata la National Gallery:

La National Gallery è divisa in varie Ale.

Ala Sainsbury: Riguarda il periodo che va dal 1260 al 1510. -Pittori italiani: Beato Angelico, Duccio di Buoninsegna, Pisanello, Masaccio (Madonna col Bambino), Giotto, Paolo Uccello, Piero della Francesca (Battesimo di Cristo), Andrea Mantegna, Giovanni Bellini (Madonna del prato, Pietà), Antonio il Pollaiolo, Sandro Botticelli, Leonardo da Vinci (Sant’Anna con la Vergine, il Bambino e San Giovannino), Raffaello (Madonna dei garofani, Crocifissione di Cristo). -Pittori olandesi, fiamminghi e tedeschi: Jan van Eyck (I coniugi Arnolfini), Hans Memling (Altare di Maria), Dirck Bouts (Madonna col Bambino), Hieronymus Bosch (L’incoronazione di spine), Lucas Cranach il Vecchio (Ritratto di giovane donna).

Ala occidentale: Riguarda il periodo che va dal 1510 al 1600 -Pittori italiani e spagnoli: Michelangelo (Deposizione di Cristo), Pontormo, Andrea del Sarto, Bronzino, Correggio, Giorgione, Tiziano (Trionfo di Bacco e Arianna, Venere e Adone), Tintoretto (San Giorgio e il drago), Paolo Veronese (L’adorazione dei Magi), Giovanni Battista Moroni, Lorenzo Lotto (Lucrezia), Sebastiano del Piombo, El Greco (La cacciata dei mercanti dal Tempio). -Pittori tedeschi e olandesi: Albrecht Durer (Ritratto del padre), Albrecht Altdorfer (Paesaggio con ponte), Hans Holbein il Giovane (Gli ambasciatori), Peter Bruegel il Vecchio (L’adorazione dei Magi).

Ala settentrionale: Riguarda il periodo che va dal 1600 al 1700 -Pittori olandesi: Pieter Paul Rubens (Il cappello di paglia, Il ratto delle Sabine), Antonie Van Dyck (Carlo I a cavallo, I bambini Balbi), Frans Hals (Uomo con guanto), Rembrandt van Rijn (Autoritratto, Saskia e Flora, Mercante ebreo), JanVermeer (Donna alla spinetta), Pieter de Hooch, Jacob van Ruisdael (Paesaggio), Carel Fabritius, Gerard Terborch, Meindert Hobbema (Viale a Middelharnis), Jan Steen (Coppia di musicisti sul terrazzo). -Pittori spagnoli, italiani e francesi: Diego Velazquez (Venere allo specchio), Francisco de Zurbaran, Bartolomé Esteban Murillo, Caravaggio (Ragazzo morso da un ramarro), Nicolas Poussin (Mosé ritrovato), Claude Lorrain (Psiche davanti al palazzo di Cupido), Louis Le Nain, Philippe de Champaigne (Richelieu).

Ala orientale: Riguarda il periodo dal 1700 al 1920 -Pittori inglesi: William Hogarth (Mariage à la mode), Sir Joshua Reynolds (Lady Cockburn con figli), John Singer Sargent, Thomas Gainsborough (Passeggiata mattutina), John Constable (Il carro del fieno), William Turner (L’ultimo viaggio della Temeraire, Margate vista dal mare, Pioggia, vapore e velocità). -Pittori francesi, (l’olandese van Gogh), spagnoli, italiani: Jean-Antoine Watteau (La gamme d’Amour), Jean-Baptiste-Siméon Chardin, Jean-Auguste-Dominique Ingres (Madame Moitessier), Eugène Delacroix, Honoré Daumier (Don Chisciotte), Gustave Courbet, Claude Monet (Il laghetto delle ninfee, Bagnanti à Grenouillière), Edouard Manet, Edgar Degas (Danzatrici), Paul Cèzanne (Les grandes baigneuses), Georges Seurat (Une baignade à Asnières), Henry Rousseau (Tempesta tropicale con tigre), Pierre-Auguste Renoir, Vincent van Gogh (Vaso con girasoli, Sedia e pipa), Pablo Picasso, Francisco Goya (Il duca di Wellington), Canaletto, Francesco Guardi, Giambattista Tiepolo (Deposizione di Cristo).

A un passo dalla National Gallery vi è la “National Portrait Gallery“. La galleria Nazionale dei Ritratti comprende circa 10.000 quadri, disegni, fotografie e sculture raccolti non in base alla qualità o alla natura dell’opera, ma alla notorietà dei personaggi. Particolarmente significativa è la collezione fotografica. Vengono organizzate mostre.

Sito ufficiale della National Gallerywww.nationalgallery.org.uk/

Iscriviti alla Newsletter di londonita

Riceverai la Guida di Natale a Londra; Imperdibile!!!!