Lorenzo Quinn in mostra a Londra

0

Lorenzo Quinn e la sua arte in mostra fino al 25 luglio all Halcyon Gallery di Londra

Dal 19 giugno fino al 25 luglio alla Halcyon Gallery di Londra, la meravigliosa esibizione dell’artista contemporaneo, Lorenzo Quinn.
Lo scultore italo messicano, nato da madre italiana, Iolanda Addolori nota costumista e dal famoso attore Anthony Quinn, riparte da Londra per il suo progetto internazionale. Il nuovo prodigio della scultura contemporanea, oggi 44 anni, ha deciso di esporre in una delle gallerie più importanti del mondo, con una mostra dal nome: “Nelle Mani di Lorenzo Quinn”.
LorenzoQuinnNon tutti sanno, ma Lorenzo Quinn durante le sue esibizioni, mette in mostra sempre una parte precisa del corpo: le mani. Ispirato dai grandi scultori del passato come Michelangelo, Bernini e Rodin, si dichiara affascinato da questa parte anatomica umana, e ci spiega anche il perché.
In molte delle sue opere vengono raffigurati uomini e donne. Associa all’uomo l’immagine del quadrato e alla donna l’immagine del cerchio, vuole così esprimere attraverso l’avvicinamento di queste due forme geometriche, il perfetto incontro. Infatti pure essendo due figure opposte, una circolare e l’altra spigolosa nell’insieme raggiungono l’equilibrio perfetto. Uomo e donna.
In una sua recente intervista, riportata anche sul suo sito ufficiale, l’artista spiega anche l’utilizzo delle mani nelle sue opere. Spiega come mai, riproduca quasi sempre mani più grandi, rispetto al resto del corpo, sottolineando come queste siano per lui la parte più espressiva di un corpo.
Le mani sono in grado di creare e di distruggere, di accarezzare e di far del male, e nella mani che nasce l’amore e dalle mani che noi proveniamo” afferma Lorenzo Quinn.
Le stesse mani che apparentemente sembrano ferme, ma che grazie alla loro forza espressiva, si animano.Lorenzoquinn-in-mostra-a-londra
Il meno che si possa chiedere a una scultura è che stia ferma”, Salvator Dalì.
Il suo multi talento, che l’hanno visto anche attore e pittore in passato, si esprime al meglio nella scultura, perché considerata da lui, l’unica mezzo attraverso il quale, poter sviluppare la sua curiosità di vedere. Ma come sia possibile farlo attraverso le mani?
La mostra accoglie diverse sue opere, allestite in punti strategici della stanza, sono opere molto grandi e le mani restano il punto più sviluppato del corpo. L’alternanza alle volte dei colori, serve per delineare il corpo maschile che si mischia con quello femminile e i dettagli sulle mani, ben delineati, rappresentano il tempo che passa e che nonostante ciò, non indebolisce il potere che possono generare.
Una mostra che lascia senza fiato, che ha bisogno di essere vista e rivista e che alla fine ti regala una prospettiva unica e immaginabile della bellezza del corpo LorenzoQuinn-a-Londraumano. Opere di grandi dimensioni che molto spesso nascono come istallazioni in parchi o in piazze, ricordiamo Londra, ma anche Parigi e tante altre città.
Una scultura deve reggere all’aria aperta, nella natura libera”, Joan Mirò.
Il silenzio e le emozioni che si sentono all’interno della sala sono quasi imbarazzanti. Si esce dalla galleria con una sola domanda: Come può un essere umano, essere capace di produrre così tanta bellezza?.
Simone Palermo
13/07/15