Maria Merians Butterflies

0

Maria Sibylla Merian e le sue farfalle, una vita dedicata allo studio degli insetti e allo sviluppo della pittura per poterli rappresentare in tutto il loro splendore

Le farfalle di Maria Merian sono raccontate alla Royal Collection di Londra. Alcune delle più belle immagini del mondo naturale saranno in mostra alla Galleria della Regina, Buckingham Palace a partire da aprile. Le farfalle di Maria Sibylla MerianMaria Merian raccontano la straordinaria storia della studiosa e pittrice tedesca, Maria Sibylla Merian (1647-1717), i cui viaggi in giro per il mondo, l’hanno portata a produrre una collezione infinita di colori e di luci. Esattamente 366 anni fa nasceva a Francoforte sul Meno; Maria Merian è una naturalista, entomologa e pittrice tedesca antesignana dello studio degli insetti in un periodo nel quale questi piccoli animali venivano considerati opera del diavolo, nascenti dal putridume e dal fango. Per la credenza popolare erano animali da evitare che potevano portare solo sventure e malattie. Maria invece riesce a vedere negli insetti, nei bruchi e  nelle belle farfalle la bellezza della natura e il mistero del creato, da indagare in profondità con lo studio meticoloso e riportare alla luce con l’ arte eccelsa della pittura.

Non v’ accorgete voi che noi siam vermi Nati a formar l’ angelica farfalla
(Dante Alighieri, Purgatorio)

Disegno di Maria Sibylla Merian Nel 1699, all’età di 52 anni, Maria Merian, accompagnata da sua figlia minore, viaggia per la colonia olandese del Suriname in Sud America per studiare gli insetti in natura. Attratta dagli insetti più strani e colorati, decide di studiare le farfalle, falene e il fenomeno della metamorfosi. Da qui i suoi primi studi, pubblicati nel 1679.
Affascinata dal fenomeno della metamorfosi, Merian accompagnata sempre dalla figlia, decide di spostarsi in Olanda, precisamente ad Amsterdam dove trovò un clima umido e caldo. La meta del suo viaggio era ben precisa, fare gite nei boschi per raccogliere campioni. Insieme hanno nutrito i bruchi che hanno raccolto e registrato la trasformazione da crisalide a farfalla in bellissimi disegni dettagliati. Gli acquerelli con annotazioni dell’artista avrebbero poi costruito nel tempo le base per i suoi lavori.

dipinti di Maria Sibylla Merian in mostra a Londra

Un suo studio la portò ad esaminare la Red Cracker Farfalla. Attraverso una lente di ingrandimento, riuscì a studiarne i movimenti e il ciclo di vita dell’insetto. Appoggiata su di un ramo, studiò con attenzione le sue ali, quali a rappresentare una tegola per la perfezione delle linee riportate sulle ali. Il suo colore fu per lei un memento di grande gioia. Era molto interessata alla vita degli insetti, tanto da studiarne non solo la loro evoluzione fisica, ma anche come si muovevano, come mangiavano e cosa mangiavano. Notava come i bruchi mangiavano voracemente e contratti quando si sentono minacciati. Descrive poi un suo incidente, quando attratta da un bruco bianco peloso, decise di toccarlo e improvvisamente la sua mano si gonfiò.
Gli studi di Maria Merian non si limitavano alle farfalle e agli insetti in genere. Ha anche fatto i disegni colorati delle lucertole, coccodrilli e serpenti del Sud America, tra cui un Tegu, lucertola d’oro, una delle più grandi lucertole del mondo. L’ananas è stata tra le numerose piante tropicali che Merian ha voluto studiare e disegnare nei suoi lavori. Il frutto era ancora una preziosa novità in Europa, dove il primo era stato coltivato da un seme in un giardino botanico vicino ad Amsterdam nel 1687. Costretta dalla malattia Maria Merian deve tornare ad Amsterdam nel 1701, dai suoi lunghi viaggi in Sud America. Insieme con i suoi schizzi e appunti, ha riportato numerosi esemplari conservati, tra cui un coccodrillo, una grande varietà di serpenti, e scatole di farfalle, coleotteri e altri insetti. Merian ha continuato ad acquistare esemplari esotici, per poi rivenderli in tutta Europa. Aveva speso tutti i suoi soldi per questi viaggi e necessitava di liquidi per poter vivere con sua figlia.

mostra a Londra di Maria Sibylla Merian
Per quattro anni Maria Merian ha lavorato per preparare la sua ricerca del Suriname per la pubblicazione, e Metamorphosis Insectorum Surinamensium è stata finalmente pubblicata nel 1705. Il lavoro è stato ampiamente lodato, e le osservazioni di Merian sono state spesso citate e discusse in tutto il mondo scientifico. Con la sua morte nel 1717, Merian fu ricordata in tutti i libri di storia, come una donna curiosa, che ha voluto esplorare il mondo da sola, riuscendo a mostrare e far amare attraverso i suoi occhi e poi con i suoi disegni, la bellezza della natura e degli insetti. Grazie a lei sono stati fatti numerosi passi avanti nella ricerca.

Ogni crepuscolo è doppio, aurora e sera. Questa formidabile crisalide che si chiama universo rabbrividisce eternamente nel sentire, allo stesso tempo, il bruco agonizzare e la farfalla ridestarsi.” Victor Hugo

The Queen’s Gallery, Buckingham Palace, Birdcage Walk, Londra
Dal 15 Aprile al 9 Ottobre 2016

Maria-Merians-butterflies-The-Queens-Gallery-Londra

Open daily, 10:00-17:30

Last admission 16:15
Adult £10.30
Concessions £9.40
Under 17/Disabled £5.30
Under 5 Free