The Sample Sale- L’arte dello sconto

0

 

La vendita al campione è un evento nuovo ed entusiasmante ma soprattutto stimolante, che aprirà le sue porte ai suoi acquirenti più esigenti e attenti al design per soli tre giorni, dal 4 al 6 marzo 2016. Sarà la prima vendita multi-marca campione del prodotto a Londra, curata dal design:Designjunction. Lo spettacolo di vendita al campione promette di trasformare la Victoria House nel leader a livello mondiale di marche di mobili contemporanei, illuminazione e accessori a prezzi ottimi. La vendita stock includerà modelli ex-display, classici del design, pezzi in edizione limitata, tutti disponibili con il 70% di sconto sul prezzo “da” negozio su articoli selezionati e poi trasformati a prezzi scontati.

08Marchi tra cui Tom Dixon, Moroso, saranno solo alcuni ad essere presenti. A questi marchi già conosciuti si uniscono una line-up di oltre 20 marchi rinomati che presentano i loro prodotti in vendita. Ogni marchio offrirà una diversa selezione di oggetti che saranno presenti dal venerdi alla domenica con poche disponibilità in termini di quantità. Varrà quindi la regola: chi prima arriva, prima acquista l’oggetto.
Deborah Spencer, direttore della vendita a campione e Designjunction, ha dichiarato: “Con il crescente numero di vendite nel settore della moda e nella ricerca di nuovi marchi da introdurre, la vendita a campione fornisce la piattaforma perfetta per una chiara visualizzazione del nostro magazzino a prezzi più che accessibili ai nostri fedeli acquirenti. “
Designjunction si è affermata come il più importante per spazio virtuale dell’interior design contemporaneo, che si tiene ogni anno durante il London Design Festival, Salone del Mobile, Milano e NYCxDesign, New York. Conosciuto per la sua selezione di principali marchi globali, Designjunction è in grado di fornire design all’avanguardia all’interno di spazi stimolanti.

06

Perché nella società dove viviamo siamo così affascinati dal prezzo? Cosa rappresenta per noi? Ma soprattutto come il saldo influenza le vostre scelte?

Il prezzo è sempre comunicazione! Il consumatore infatti può avere delle difficoltà nel valutare la qualità, le caratteristiche, la tecnica di un prodotto, ma il prezzo è sempre un messaggio chiaro e valutabile e il consumatore è sempre sensibile al prezzo. La maggior parte dei consumatori, durante il periodo di promozioni, non si rende conto delle proprie spese e, vedendo la svendita, cerca di approfittarsene credendo di risparmiare, in realtà spende di più.
Lo scienziato del comportamento ed economista Robert Meyer, ricercatore alla Wharton School dell’Università di Pennsylvania, ha elaborato tre teorie in risposta allo “spillover effect”.

L’ effetto sforamento si verifica quando, al momento dell’acquisto di un bene ad un prezzo conveniente, si comperano altri articoli aggiuntivi non necessari senza che la loro utilità sia collegata a quella del primo.

Di conseguenza, lo scienziato americano ha formulato le sue tre teorie:

Teoria della “contabilità mentale: il consumatore che risparmia ha la sensazione che il suo budget rimanga immutato.

Teoria dell’ “emozione generalizzata”: l’aspetto e il marchio del negozio, la quantità di persone presenti all’interno, la disponibilità dei commessi e l’eventuale presenza di musica coinvolgerebbe maggiormente i potenziali acquirenti.

Teoria dell’ “attribuzione”: il cervello dei consumatori porta a considerare il negozio dove si effettuano acquisti come se fosse una persona attribuendogli emozioni. Questi sentimenti potrebbero essere paragonati al baratto che si effettuava nelle società rurali e primitive e che regola ancora i rapporti tra una tribù e l’altra nelle popolazioni indigene.

02Il D.Lgs. 206 del 2005 detta alcune regole che i commercianti devono rispettare durante il periodo dei saldi. Primo fra tutti è l’obbligo di esporre un cartellino indicante il prezzo prima e dopo lo sconto specificando la differenza di percentuale applicata. In secondo luogo ci deve essere una netta separazione delle merci a saldo da quelle non scontate. La prova del capo di abbigliamento è a discrezione del venditore così come la possibilità di cambiare l’oggetto in caso di ripensamento o taglia sbagliata. Il commerciante ha l’obbligo di sostituire il bene solo e soltanto nel caso in cui il capo presenta un difetto di fabbrica che comporta l’osservazione della normativa relativa alla garanzia presente all’interno del Codice del Consumo.

05
Prima di uscire di casa e fare spese pazze di cui potreste rimpiangervene, sarebbe opportuno stilare una lista delle cose che realmente vi interessano e preferire il pagamento in contanti a quello con carta di credito in modo da avere un riscontro immediato ed effettivo della vostra disponibilità economica.
Comprare significa decidere. Siate voi a scegliere e non permettete agli altri lo facciano per voi. L’acquisto deve essere ragionato, soprattutto in tempi di crisi!

Victoria House, Bloomsbury Square, Londra WC1B 4DA.
www.thesamplesale.co.uk
www.thedesignjunction.co.uk