La Regina Madre

0

Elizabeth Bowes-Lyon, La Regina Madre

“DIO SALVI LA REGINA” E quando poi la regina in questione è la REGINA MADRE… “Queen Mum”, la chiamavano affettuosamente i britannici. Oggi ricorre l’anniversario della scomparsa dI una delle figure femminili più amate dal popolo britannico: Elizabeth Angela Marguerite Bowes-Lyon, nata a Londra il 4 agosto 1900 e ivi deceduta il 30 marzo 2002 alla bell’età di quasi 102 anni! Moglie dell’adorato Giorgio VI del Regno Unito, adorata da lui a sua volta, dopo il matrimonio ebbero due figlie: Queen Elizabeth the Queen Mother portraitdel Regno Unito, Elizabeth, attuale Sovrana, e Margaret. Tanto la prima si dimostrò disciplinata sino al sacrificio, quanto la seconda fu birichina ed irrequieta. La futura Regina Madre fu una figura discreta e al contempo influente nella vita dello sfortunato, balbuziente Giorgio. Era un peperino di carattere forte dentro un corpo piccolo e rotondetto; una donna tascabile dotata di grande sense of humor, amante della vita, della natura, della sua famiglia, degli abiti colorati e del… gin! Ne ha bevuto sino alla fine e senza problemi. Dietro quest’apparenza di amabilità e di discrezione si celava una donna forte che fu determinante la condotta del marito, afflitto da costanti crisi depressive e sempre sul filo del rasoio, specialmente nei burrascosi frangenti della Seconda Guerra. Si rifiutò di lasciar Londra per qualsiasi motivo e ne convinse il Re, preoccupato non della propria vita, ma di quella di sua moglie e delle figlie. Benché il Governo fosse contrario per comprensibili ragioni di sicurezza, Ella si oppose sempre all’abbandono della Capitale e del suo popolo che soffriva enormemente sotto i continui, devastanti bombardamenti del mostro nazista. L’intera Famiglia Reale fu un esempio di fermezza, di coraggio, di solidarietà, di compassione. La futura Elisabetta II^, allora men che ventenne, prestava servizio nell’Esercito Britannico: viveva con le truppe e ne condivideva orari e sacrifici. Nel dopoguerra fu meccanico e conducente di camion. La mamma e la sorella si occupavano dei malati, dei feriti, dei senzatetto che abbondavano. Orfani e vedove non mancarono mai del loro aiuto. Il Re e Churchill adempivano con onore i loro doveri. Rimasta improvvisamente vedova a cinquantadue anni per la repentina morte dell’amato Bertie, prese il lutto alla sua maniera e cioè nella maniera più soave e vera: sorrisi di fuori e morte nel cuore. Il popolo l’adorava letteralmente e credo che sua figlia Elisabetta abbia più volte contato sull’affetto, l’esempio e il consiglio di quella donna che sapeva esser sciolta e semplice anche nelle occasioni più tristi o formali. Ora che la Sovrana è immersa nella vecchiaia, nonostante adempia sempre col massimo scrupolo i suoi molteplici impegni di lavoro legati ad un ufficio tanto gravoso, la vediamo sorridere più spesso e più volentieri. La vecchiaia pare averla addolcita e ci sembra che la spiritosa QUEEN MOM si affacci qua e là ancora una volta, attraverso i sorrisi dell’anziana figlia, tra un incontro con Cameron e una carezza ad un Corgie. So long, Ma’am! (  di Marcello Tito Manganelli )

Leave A Reply

Iscriviti alla Newsletter di Londonita

Scarica le Nostre GUIDE IN OMAGGIO, rimani aggiornato. ricevi i nostri regali, le nostre offerte e promozioni

Leggi Normativa Privacy ai sensi del Regolamento UE 2016/679
NORMATIVA PRIVACY

Questo sito utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Cliccando sul pulsante ACCETTO, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi