L’Inghilterra onora il suo patrono Saint George, e sabato feste in stile medievale da Londra al resto del paese

0

L’Inghilterra rende omaggio al suo Santo patrono, San Giorgio, con una serie di iniziative che avranno il loro momento clou sabato prossimo, 25 aprile, nel cuore di Londra a Trafalgar Square e nei giardini di Vauxhall.

In realtà, la data da appuntarsi in agenda è quella del 23 aprile quando proprio il calendario è cerchiato di rosso, ma capitando in questo 2015 in un giorno feriale, si è deciso di spostare le celebrazioni al successivo sabato.

St George 2Come tradizione vuole, sarà l’occasione non solo per onorare il Santo patrono, ma anche per vivere più da vicino le tradizioni della cultura inglese, sia dal punto di vista storico, che musicale e culinario. A Trafalgar Square saranno allestiti stand e palchi che vedranno protagonisti artisti e musicisti vari, grazie ai quali si avrà la possibilità di prendere parte a una sorta di rievocazione storica che parte dai secoli scorsi (anche se il Santo visse quasi millesettecento anni fa) fino ai giorni nostri.

E’ prevista anche la visita del sindaco Boris Johnson che dovrebbe aprire i festeggiamenti a mezzogiorno, i quali poi continueranno fino al pomeriggio alle 18. L’ingresso all’area è ovviamente gratuito e soprattutto consigliato alle famiglie dato che ci saranno anche animatori e circensi. Saranno allestite delle lunghe sedute dove mangiare, tra gli ospiti d’eccezione la Crystal Palace Brass Band e il cast del musical “Let It Be”.

Mentre ai giardini di Vauxhall Pleasure si farà un salto indietro nel tempo dato che sempre sabato prossimo, dalle 12 alle 8 e con ingresso gratuito, verrà messo in scena il St George’s Festival. Una sorta di torneo in costume d’epoca per cercare di posizionare la bandiera sul campo come facevano gli antichi guerrieri di un tempo. Inoltre ci saranno performance dedicate alle opere di Shakespeare, i falconieri, gli arcieri e musica dal vivo con gruppi della tradizione folk. Il tutto all’interno di un’area che sarà allestita in stile mercato medievale.

St George 3Per coloro che avessero poca affinità con la cultura millenaria inglese, ricordiamo che San Giorgio è sì il santo patrono dell’Inghilterra ma il suo nome è in particolar modo associato a una leggenda che lo vede confrontarsi contro un drago.

Il racconto narra di un giovane e coraggioso George che decise di affrontare un drago che terrorizzava i poveri contadini di una campagna inglese bruciando le loro terre. Lo stesso drago teneva prigioniera una principessa. George decise di sfidare il drago ma, consapevole che solo con la forza di uomo non avrebbe potuto fare nulla, decise di chiedere aiuto all’Alto dei cieli. Si presentò di fronte alla creatura maligna stringendo tra le mani una croce tanto da riuscire a ottenere quella forza capace di sconfiggere il drago.

I contadini, in segno di gratitudine, si convertono al cristianesimo cercano di emulare quel coraggio e quel comportamento così cavalleresco che insegnò loro il giovane George.

La storia, come accennato, prende spunto dalla fantasia popolare, dato che nella vita reale George crebbe fino a diventare un soldato cristiano dell’Impero Romano. La sua fama si diffusenel corso dei secoli successivu, tanto che Il mito di San Giorgio e della sua lotta contro il drago, erano già noti in Inghilterra ancora prima della conquista normanna nel 1066. L’idea di George come santo patrono dell’Inghilterra si deve molto probabilmente a un’opera di William Shakespeare, l’Enrico V, tanto che già intorno al 1600 le truppe inglesi si radunavano prima di partire in guerra col grido “God for Harry, England and St George!”.

St George 4

Iscriviti alla Newsletter di londonita

Riceverai la Guida di Natale a Londra; Imperdibile!!!!

stai accettando le condizioni privacy prevista dall'art.13, D. Lgs. 196/2003
leggi la normativa