Superstizioni inglesi sul Natale

0

Il Natale Inglese:  tra sacro e profano, religiosità e superstizioni si mischiano nella festa più bella dell’ anno.

Manca poco più di un mese al Natale e le vie di Londra cominciano a riempirsi di luci e decorazioni. Il Natale è, infatti, la festa dell’anno più attesa da parte dei britannici, e insieme alle sue tradizioni e decorazioni porta con sé anche una serie di superstizioni; scopriamo insieme quali.

Natale Inglese

1. Mangiare Mince Meat Pies la sera della Vigilia
Durante la Vigilia di Natale è molto importante mangiare quante più Mince meat pies possibili per assicurarsi maggiore fortuna per l’anno a venire. Inoltre è severamente vietato tagliare le Mince meat pies con il coltello, perché si rischia di tagliare anche la propria possibile fortuna.

2. Tenere accese le candele dell’albero finché non si spengono
Una volta accese le candele dell’albero, la sera della Vigilia, bisogna lasciarle bruciare fino a quando non si spengono da sole, onde evitare una cattiva sorte per l’anno futuro.

3. Bruciare il ceppo di Natale
Fa parte della tradizione inglese, la sera della Vigilia bruciare il celebre ceppo di Natale. Questo ceppo però deve essere tagliato o trovato, mai acquistato in un negozio, e deve essere grande abbastanza da bruciare durante tutta la notte, altrimenti si avrà sfortuna per tutto il prossimo anno.

4. Accogliere il Natale in casa
“Welcome Father Christmas!” è l’espressione che deve assolutamente pronunciare la prima persona ad aprire la porta di casa la mattina di Natale. In questo modo permetterà allo spirito natalizio di entrare in casa e lasciare andare via gli spiriti cattivi. C’è inoltre chi spazza di fronte alla propria porta di casa la mattina di Natale per scacciare via tutti i problemi.

5. Il vischio
La superstizione vuole che colui che evita un bacio sotto il vischio avrà molta sfortuna nell’anno a venire. È inoltre di cattivo augurio buttare via il vischio una volta terminate le feste di Natale, infatti, per assicurarsi un buon anno nuovo, bisogna conservare il vischio fino a quando non sarà sostituito con quello nuovo il Natale successivo.

6. Christmas Pudding
Il Christmas Pudding è il dolce natalizio inglese per eccellenza. Per allontanare la cattiva sorte, secondo le credenze popolari bisogna prepararlo la domenica prima dell’inizio dell’Avvento, mescolando l’impasto da est a ovest, poiché la stessa direzione del viaggio compiuto dai Re Magi per raggiungere Gesù. Infine è possibile affettarlo soltanto la sera della Vigilia e conservane un pezzo fino al giorno di Capodanno.

7. Caroles 
I Caroles sono coloro che, durante le festività natalizie, vanno di porta in porta a cantare le Christmas Carols, ossia le tradizionali canzoni e inni al Natale. Secondo le credenze popolari, per evitare di avere una cattiva sorte, non bisogna mai cacciarli e lasciarli andare via senza cibo, soldi o una bevanda.

8. Mai regalare scarpe a Natale  
Se amate qualcuno a Natale non regalategli mai un paio di scarpe perché di cattivo augurio, ossia questa persona nell’anno a venire potrebbe uscire dalla vostra vita. Invece, nel caso in cui si dovessero ricevere delle scarpe come regalo è assolutamente vietato indossarle il giorno di Natale.

9. L’agrifoglio
L’agrifoglio non deve mai mancare in casa durante queste feste perché soltanto in questo modo è possibile tenere lontane le streghe e gli spiriti maligni.

10. Le decorazioni
Secondo le credenze popolari l’albero di Natale non deve mai mancare, perché la sua presenza assicura prosperità dopo l’inverno. Tuttavia, l’albero e le altre decorazioni, in primis il vischio, non devono mai essere predisposti prima del 24 dicembre, perché possono attrarre “forze negative”.

Se siete interessati ad approfondire la conoscenza della cultura inglese, trascorrendo un periodo a Londra, magari frequentando anche un corso di inglese,   scaricate ora la brochure informativa di Kaplan International English.

Iscriviti alla Newsletter di londonita

Riceverai la Guida di Natale a Londra; Imperdibile!!!!

stai accettando le condizioni privacy prevista dall'art.13, D. Lgs. 196/2003
leggi la normativa