Works on Paper Fair – il colore su carta e i suoi significati

0

Cosa sarebbe la vita senza i colori!

Eppure ci sono quelli che amano il bianco e nero; o addirittura 50 sfumature di grigio o 50 sfumature di nero; E’ un po come complicarsi l’ esistenza e andare a cercare quello che ha poco interesse senza accorgersi del mondo in cui ci troviamo; Un mondo pieno di colori e di diversità che creano eccellenze meravigliose che spesso sfuggono alle anime meno propense ad osservare. Il Mondo è colorato, c’è poco da fare e dobbiamo prenderne atto se vogliamo vivere bene.

La vita è un’enorme tela: rovescia su di essa tutti i colori che puoi“.
(Danny Kaye)

Qualcuno ci ha teorizzato su e ha tratto delle teorie o delle filosofie di vita.
Partendo dalla “Teoria dei Colori” di Goethe, che sosteneva che “il colore si origina dall’incontro della luce con le tenebre”, il grande pensatore austriaco Rudolf Steiner, elaborò una complessa teoria spirituale. Cosa sono i colori, da dove nascono e oggi hanno la stessa importanza che “avevano” nell’arte del passato? Il distacco con la purezza di quello che consideriamo “arte” oggi sembra essere, sbiadito e forse stonato, a causa di questa “prepotente” tecnologia che crea, distrugge e non lascia la firma.

Sul colore Steiner elaborò una complessa teoria spirituale, partendo dalla Teoria dei Colori (Zur Farbenlehre) di Goethe, che sosteneva in polemica con le teorie newtoniane che “il colore si origina dall’incontro della luce con le tenebre”, due polarità reciprocamente attive e collaborative.
“La tassonomia steineriana distingue la manifestazione cromatica in sette colori esoterici: quattro colori immagine e tre colori splendore. I primi rappresentano l’aspetto percepibile, l’immagine esterna della loro essenza e sono: il bianco, l’immagine dello spirito; il nero, l’immagine di ciò che è morto; il fior-di-pesco, l’immagine dell’anima e il verde, l’immagine di ciò che è vivo. I colori splendore risplendono invece in se stessi, sono “le nature attive del colore, la veste esteriore di un essere” e sono: “il giallo, lo splendore dello spirito; il rosso, lo splendore del vivente e l’azzurro, lo splendore dell’animico”

Steiner diede anche indicazioni su come dipingere con colori all’acqua disciolti in vaschette e stesi su carta bianca, che funge da sorgente di luce, tramite una tecnica di velature sovrapposte “i cui processi coloristici corrispondono all’espressione delle forze agenti nel cosmo sui diversi gradini dei regni della natura”.
Le conferenze di Steiner influenzarono molti artisti dell’epoca, dai russi Wassilij Kandinskij e Kazimir Malevič all’olandese Piet Mondrian; la sua concezione spirituale dei colori fu portata avanti dagli insegnanti del colore della Bauhaus e ora viene insegnata nelle scuole Walrdof.

Ma allora qual è il significato dei colori? Cosa può indurre una persona a preferire un colore anzichè un altro? Il colore più affine ai propri gusti o quello più lontano possono svelarti diversi aspetti del tuo carattere. Inoltre la predilezione per un determinato colore può corrispondere a un ben preciso stato d’animo o momento della vita di una persona. Anche il temperamento di un individuo può essere svelato dalla scelta di un colore come pure le attitudini e il carattere. Il colore è la percezione visiva generata dai segnali nervosi che i fotorecettori della retina inviano al cervello quando assorbono le radiazioni elettromagnetiche di determinate lunghezze d’onda e intensità nel cosiddetto spettro visibile o luce.

Tutti i colori che noi percepiamo sono ottenuti dalla mescolanza di tre colori detti “primari”. I colori primari è un insieme ristretto di colori dalla cui combinazione si può ottenere qualsiasi altro colore I colori primari possono essere “additivi” o “ sottrattivi” a seconda della tecnica di combinazione usata. L’insieme di colori primari additivi più comunemente usato è composto da rosso, verde e blu; l’insieme di colori primari sottrattivi più comunemente usato è composto da ciano, magenta e giallo. Negli usi comuni, come per esempio la pittura, il modello di mescolanza di riferimento è quello sottrattivo, ma l’insieme di primari a cui si fa riferimento è quello composto da giallo, rosso e blu.

Ogni nuovo mattino, uscirò per le strade cercando i colori“.
(Cesare Pavese)

 

Probabilmente guardare i colori in un’ ottica di pensiero troppo elevato è sbagliato quanto non parlarne o non accorgersi che i colori esistono per rendere la nostra esistenza una esperienza meravigliosa.

Un Colore sta là fuori Su Campi Solitari
Che la Scienza non può cogliere Ma la Natura Umana avvertire.” Emily Dickinson

Nei giorni scorsi a Londra c’è stata una mostra sui colori, una delle tante iniziative interessanti che periodicamente si svolgono in questa città. I colori visti con gli occhi degli artisti. Non sarebbe male creare uno spazio dove racchiudere tutti i colori del Mondo e immergersi in una fonte di bellezza unica che poi possiamo cercare e ritrovare nella vita di tutti i giorni.

Works on Paper Fair
Ogni anno in una location diversa una mostra sui colori tramite l’ occhio degli artisti
Belle opere da vedere per riflettere sulla bellezza di un mondo colorato, su carta e non solo

Iscriviti alla Newsletter di londonita

Riceverai la Guida di Natale a Londra; Imperdibile!!!!

stai accettando le condizioni privacy prevista dall'art.13, D. Lgs. 196/2003
leggi la normativa